• -4,00 €
Barbera d'Alba Tre Vigne Vietti
Barbera d'Alba Tre Vigne Vietti
Barbera d'Alba Tre Vigne Vietti
Barbera d'Alba Tre Vigne Vietti

Barbera d'Alba DOC Tre Vigne Vietti 2017

Ultimi articoli in magazzino
11,98 € 15,98 € -4,00 €
  • DenominazioneDenominazione:Barbera d'Alba DOC
  • UveUve:100% Barbera
  • ColoreColore:Rosso Rubino
  • OdoreOdore:Sentori di violetta, ciliegie mature e vaniglia
  • SaporeSapore:Tannini dolci. ottima acidità 
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:14% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:16 - 18° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Antipasti di carne e zuppe
Ordinalo ora per riceverlo tra Martedì 18 e Mercoledì 19 maggio

Vignaioli da quattro generazioni, fu Carlo Vietti a fondare la cantina alla fine del XIX secolo, nel comune di Castiglione Falletto, nel cuore delle Langhe. Agli inizi del '900, il figlio Mario iniziò a vendere i Barolo che avevano cominciato a produrre, focalizzando l'azienda di famiglia esclusivamente sull'attività vitivinicola. A partire dagli anni '60, è la figlia Lucia, assieme al marito enologo Alfredo Currado, a portare avanti il lavoro della cantina Vietti, concentrandosi sempre più su una produzione di qualità elevata, e posizionando l’azienda tra le migliori delle Langhe, iniziando sin da allora a esportare i propri prodotti su importanti mercati stranieri come quello tedesco, svizzero e americano. Alfredo, fu il primo a vinificare separatamente i singoli vigneti, in un'epoca come quella degli anni '60 in cui il Barolo non era concepito come un vino da singoli ""cru"", bensì nasceva dalla vinificazione di tutte le vigne assieme. L'altra grande visione pionieristica di Alfredo è stata quella di valorizzare l'arneis, vitigno autoctono a lungo dimenticato dai produttori della zona.

CARATTERISTICHE

Barbera d'Alba tre Vigne Vietti, si presenta alla vista con un colore rosso rubino, al naso si vvertono subito i profumi di violetta, ciliegie mature e vaniglia. Al palato si avvertono i tannini dolci e si apprezza un'ottima acidità

ABBINAMENTI

Ottimo in abbinamento ad antipasti di carne e zuppe

REGIONE: PIEMONTE

Piemonte

Il Piemonte, seconda regione più estesa d'Italia dopo la Sicilia, è una delle più varie dal punto di vista geografico e climatico. Il principale sistema collinare, il cui paesaggio vitivinicolo è stato di recente insignito della tutela Unesco, è costituito da Langhe, Monferrato e Roero, localizzato nella parte meridionale e orientale della regione. A nord troviamo l'altra grande area collinare, composta da Canavese, Coste della Sesia e Colli Novaresi.

Ci troviamo in una regione a clima generalmente temperato, con estati umide e calde rinfrescate da violenti temporali, autunni nebbiosi e piovosi, inverni mediamente freddi con nevicate abbondanti in collina, e primavere relativamente miti. La combinazione di territorio e clima piemontese si rivela quindi adatta alla coltivazione di alcuni vitigni autoctoni che qui hanno trovato la loro più felice espressione, a cominciare da Nebbiolo e Barbera, che la viticoltura piemontese ha saputo esprimere ai massimi livelli mondiali.

A oggi i grandi vini piemontesi restano i più premiati e ambiti tra i vini italiani all'estero, superando spesso anche gli acclamati toscani. Accanto a vini ormai mitici come Barolo e Barbaresco, il Piemonte offre però molti vini più economici altrettanto validi, come le squisite Barbere d'Asti, Nizza e Alba, e alcuni sorprendenti Dolcetto, oltre a pregiati Nebbiolo coltivati in altre denominazioni. Il valore di un ettaro di Barolo, nelle zone più importanti, supera ormai il milione di euro.

VITIGNO: BARBERA

Barbera

LA PIANTA

il grappolo è di dimensioni medie, piramidale, tendenzialmente compatto, alato;l' acino è medio, ellissoidale, con buccia pruinosa di colore blu intenso, sottile, consistente; presenta una foglia di media proporzioni, pentagonale, penalobata, con pagina superiore glabra e inferiore con nervature. L'epoca di germogliamento è medio-precoce, la maturazione è medio-tardiva e, in Piemonte, va storicamente a collocarsi subito prima di quella del Nebbiolo. La pianta presenta buona adattabilit ai climi siccitosi, mentre è più sensibile alle gelate. Predilige terreni argillosi, profondi e di media fertilità.

IL VINO

Impiegato esclusivamente per la vinificazione, il Barbera mostra ottime proprietà sia quando lavorato in purezza, sia quando abbinato ad altre varietà. Se da solo, presenta colore rosso rubino, è ricco di profumi, con richiami di frutta rossa, sottobosco e spezie, mentre in bocca lascia emergere un gusto asciutto, austero, sostenuto da acidità evidente. Quando abbinato, apporta alle varietà associate alcol, acidità e spesso anche colore

Regione
Piemonte
Denominazione
Barbera d'Alba DOC
Uve
Barbera
Colore
Rosso Rubino
Odore
Floreale
Fruttato
Sapore
Fresco
Morbido
Gradazione (% vol.)
14
Contenuto
75 Cl
1 Articolo

Con Vietti questa volta vogliamo parlare d’arte, l’arte del lavoro in cantina e quella che campeggia su tutte le etichette aziendali, disegnate da Gianni Gallo, chiamato negli anni ‘70 dalla famiglia Vietti a rivestire di colore le proprie bottiglie. Gianni Gallo fu un grande disegnatore ed incisore. Tutti i suoi bozzetti, trasferiti poi in etichetta, raffigurano esistenze di Langa da salvaguardare quali insetti, uccelli, ricci, chiocciole, canneti. Così per il Moscato un fascio di spighe e fiori, un grillo su un pentagramma per la Barbera d’Alba Tre Vigne e un altro nascosto tra erbe e fiori sia per la Barbera d’Alba Vigna Vecchia Scarrone che per Vigna Scarrone. Per il Nebbiolo un Dente di Leone, mentre, tra i diversi cru di Barolo, rimane suggestiva la chiocciola del Brunate (cru di La Morra), che simboleggia il lento e lungo cammino nel tempo di questo vino. L’arte si esprime in modo diverso invece nel Barolo Villero, una Riserva che esce solo in alcune annate e con etichette d’autore ogni volta differenti. La prima, nel 1982, fu sempre di Gianni Gallo, mentre l’ultima, quella del 2012, è del grande architetto Renzo Piano, con un suo bellissimo disegno a mano libera di un grappolo d’uva sulla facciata est del centro Pompidou di Parigi, che lui stesso progettò e costruì negli anni Settanta.

No reviews

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno anche comprato:

Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.