• -16%
Barbera d’Alba DOC Sorì Del Drago Brovia 2018

Barbera d’Alba DOC Sorì Del Drago Brovia 2018

15,84 € 18,85 € -16%

Una parata di cavalli di razza: appaiono così i Barolo Brovia. Si conferma ancora una volta la grande capacità di Elena Brovia e Alex Sanchez nell'interpretare e assecondare la raccolta di uve Nebbiolo dai mitici cru del patrimonio aziendale: i vigneti Rocche di Castiglione, Villero, Garblet Sue’ nel Comune di Castiglione Falletto e poi Brea in Serralunga. Basse rese, ottime esposizioni e una terra viva e vitale garantiscono qualità e sanità delle uve. I vini, che vinificano in vasche di cemento e maturano lentamente in botti grandi, senza essere sottoposti a successive filtrazioni, hanno personalità nettamente distinte ma esprimono tutti quello stile sobrio, puro e leggiadro offerto come paradigma dal compianto Giacinto Brovia. La freschezza e la componente tannica sono sublimate da note balsamiche e di frutta raccolta a piena maturazione.

CARATTERISTICHE

Barbera d’Alba DOC Sorì Del Drago, ha un colore rosso porpora scuro sprigiona originali sentori di radici, rovo, succo di mirtilli, orchidea, viola, sottobosco, tuia, anice stellato. Carnoso al palato si dipana con nerbo acido e una lunga sapidità dai rimandi gustosi e balsamici. Matura 18 mesi in acciaio.

ABBINAMENTI

Barbera d’Alba DOC Sorì Del Drago, si abbina con lasagne con ragù di coniglio e funghi.

REGIONE: PIEMONTE

Piemonte

Il Piemonte, seconda regione più estesa d'Italia dopo la Sicilia, è una delle più varie dal punto di vista geografico e climatico. Il principale sistema collinare, il cui paesaggio vitivinicolo è stato di recente insignito della tutela Unesco, è costituito da Langhe, Monferrato e Roero, localizzato nella parte meridionale e orientale della regione. A nord troviamo l'altra grande area collinare, composta da Canavese, Coste della Sesia e Colli Novaresi.

Ci troviamo in una regione a clima generalmente temperato, con estati umide e calde rinfrescate da violenti temporali, autunni nebbiosi e piovosi, inverni mediamente freddi con nevicate abbondanti in collina, e primavere relativamente miti. La combinazione di territorio e clima piemontese si rivela quindi adatta alla coltivazione di alcuni vitigni autoctoni che qui hanno trovato la loro più felice espressione, a cominciare da Nebbiolo e Barbera, che la viticoltura piemontese ha saputo esprimere ai massimi livelli mondiali.

A oggi i grandi vini piemontesi restano i più premiati e ambiti tra i vini italiani all'estero, superando spesso anche gli acclamati toscani. Accanto a vini ormai mitici come Barolo e Barbaresco, il Piemonte offre però molti vini più economici altrettanto validi, come le squisite Barbere d'Asti, Nizza e Alba, e alcuni sorprendenti Dolcetto, oltre a pregiati Nebbiolo coltivati in altre denominazioni. Il valore di un ettaro di Barolo, nelle zone più importanti, supera ormai il milione di euro.

VITIGNO: BARBERA

Barbera

LA PIANTA

il grappolo è di dimensioni medie, piramidale, tendenzialmente compatto, alato;l' acino è medio, ellissoidale, con buccia pruinosa di colore blu intenso, sottile, consistente; presenta una foglia di media proporzioni, pentagonale, penalobata, con pagina superiore glabra e inferiore con nervature. L'epoca di germogliamento è medio-precoce, la maturazione è medio-tardiva e, in Piemonte, va storicamente a collocarsi subito prima di quella del Nebbiolo. La pianta presenta buona adattabilit ai climi siccitosi, mentre è più sensibile alle gelate. Predilige terreni argillosi, profondi e di media fertilità.

IL VINO

Impiegato esclusivamente per la vinificazione, il Barbera mostra ottime proprietà sia quando lavorato in purezza, sia quando abbinato ad altre varietà. Se da solo, presenta colore rosso rubino, è ricco di profumi, con richiami di frutta rossa, sottobosco e spezie, mentre in bocca lascia emergere un gusto asciutto, austero, sostenuto da acidità evidente. Quando abbinato, apporta alle varietà associate alcol, acidità e spesso anche colore

Provenienza
Italia
Uve
Barbera
Colore
Rosso Intenso
Odore
Fruttato
Speziato
Sapore
Sapido
Gradazione (% vol.)
15
6 Articoli

Una parata di cavalli di razza: appaiono così i Barolo Brovia. Si conferma ancora una volta la grande capacità di Elena Brovia e Alex Sanchez nell'interpretare e assecondare la raccolta di uve Nebbiolo dai mitici cru del patrimonio aziendale: i vigneti Rocche di Castiglione, Villero, Garblet Sue’ nel Comune di Castiglione Falletto e poi Brea in Serralunga. Basse rese, ottime esposizioni e una terra viva e vitale garantiscono qualità e sanità delle uve. I vini, che vinificano in vasche di cemento e maturano lentamente in botti grandi, senza essere sottoposti a successive filtrazioni, hanno personalità nettamente distinte ma esprimono tutti quello stile sobrio, puro e leggiadro offerto come paradigma dal compianto Giacinto Brovia. La freschezza e la componente tannica sono sublimate da note balsamiche e di frutta raccolta a piena maturazione.

No reviews
Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.