• -22%
Biancolella Tenuta Frassitelli Casa d'Ambra - Enoteca Telaro
Biancolella Tenuta Frassitelli Casa d'Ambra - Enoteca Telaro
Biancolella Tenuta Frassitelli Casa d'Ambra - Enoteca Telaro
Biancolella Tenuta Frassitelli Casa d'Ambra - Enoteca Telaro

Ischia DOC Biancolella Tenuta Frassitelli Casa d'Ambra 2019

Ultimi articoli in magazzino
10,17 € 13,03 € -22%
Time left
  • DenominazioneDenominazione:Roccamonfina IGT
  • UveUve:100% Biancolella
  • ColoreColore:Giallo Paglierino 
  • OdoreOdore:Note fruttate, floreale, fine, con sentore di banana e di fiori di ginestre
  • SaporeSapore: Intenso, delicato e persistente
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:13% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:10 - 12° C
  • AbbinamentiAbbinamenti: Antipasti, primi piatti di pesce e pesce. Linguine agli scampi, coniglio di fossa.
Ordinalo entro 28 minuti per riceverlo tra Giovedì 26 novembre e Venerdì 27 novembre

Biancolella Casa d'Ambra Tenuta Frassitelli, è un eccezionale vino bianco tipico campano, prodotto interamente con Uve Biancolella e che esprime grazie alle sue caratteristiche, tutta la territorialità e le peculiarità degna di un' ISCHIA DOC.

CARATTERISTICHE

Biancolella Casa d'Ambra Tenuta Frassitelli, paglierino quasi dorato. Naso incantevole per una intensa e ampia spinta aromatica; profuma di susina gocciadoro, pesca bianca, mela limoncella, acacia e talco. L'equilibrio fruttato è reso movimentato da ridondanze di sapori salmastri e di erbe aromatiche. Sosta in acciaio per 8 mesi. Prima Annata risale a 1986.

ABBINAMENTI

Ischia DOC Biancolella Tenuta Frassitelli Casa d'Ambra, ottimo con involtini di trota affumicata.

REGIONE: CAMPANIA

Campania

Le origini antichissime della viticoltura campana sono evidenti nei due metodi di allevamento della vite usati ancora oggi, quello ad alberello, di origine greca, e la tecnica etrusca in cui la vite si fa arrampicare attorno a pali e tronchi di alberi campestri per poi collegare rami e tralci tramite graticci — chiamati tennecchie, cioè tende — in una specie di pergolato che unisce un albero all'altro, integrando quindi la viticoltura con la vegetazione esistente insieme ad altre coltivazioni.

L'intera regione è situata all'interno di un antico teatro vulcanico, di cui oggi il Vesuvio rappresenta il più importante esempio ancora attivo. Questa peculiarità ha contribuito a determinare una grande varietà di suoli, che spaziano dalle rocce piroclastiche e dai tufi del Nord alle sabbie e arenarie del Taburno, ricche di quarzi e marne calcaree, ai calcari della Costiera Amalfitana, alle sabbie argillose dell'Irpinia. Nelle province di Napoli, Salerno e Caserta il clima è mite e mediterraneo, mentre in quelle interne di Avellino e Benevento le temperature sono più rigide man mano che si sale verso l'Appennino, con piogge abbondanti soprattutto in Irpinia.

In provincia di Avellino troviamo le Docg bianche Fiano di Avellino e Greco di Tufo, intitolate agli omonimi vitigni, mentre le due Dogc rosse a base di Aglianico sono il Taurasi, sempre nell'Avellinese, e l'Aglianico del Taburno in provincia di Benevento. Sulla costa, scendendo da nord a sud le Doc Galluccio, Falerno del Massico e Aversa nel Casertano, poi le Doc Campi Flegrei, Ischia, Vesuvio e Penisola Sorrentina in provincia di Napoli, quindi Costa d'Amalfi a ovest di Salerno e la grande area occupata dalla Doc Cilento a sud.

L'immagine del vino campano è legata soprattutto alla personalità vivace dei suoi bianchi: Fiano, Greco e Falanghina, ma il vitigno in grado di interpretare al meglio il genius loci di questa regione con freschezza, potenza e longevità è proprio l’Aglianico, che in 17 comuni dell'Irpinia dà origine al magnifico Taurasi.

VITIGNO: BIANCOLELLA

Biancolella

LA PIANTA

Il grappolo è di media grandezza, di forma cilindrica, alato e abbastanza compatto. Può essere occasionalmente spargolo per il sopravvento di eventuali difetti di fioritura. Gli acini sono medi, rotondi e di colore verde paglierino, con una buccia sottile e tenera responsabile del nome Bianca Tnera nella zona di Amalfi. Matura tra la fine di Settembre e l'inizio di ottobre

IL VINO

Pur non raggiungendo gradazioni alcoliche elevate e non conservando un'acidità importante, il Biancolella dona, con l'intensità dei profumi, inaspettata longevità ai bianchi dell'isola. L'Ischia Biancolella rimane un vino che nasce in vigne streme, considerate a giusto titolo tra le più belle al mondo

Regione
Campania
Provenienza
Italia
Colore
Giallo Paglierino
Odore
Fruttato
Sapore
Sapido
Tipologia
Bianco
2JAID1TP

Se parliamo di vino dell'isola di Ischia allora è inevitabile parlare di Casa D'Ambra, storica cantina fondata nel 1888 da Francesco D'Ambra, conosciuto come "Don Ciccio", il quale, da semplice vignaiolo, riuscì nell'arco di una decina di anni, a dar vita ad una casa vinicola tra le più note in Italia e nel mondo. Una storia enoica lunga ed antica, lì dove la viticoltura è eroica, fusa con la montagna e il mare, luogo in cui le vigne sono a pochi metri dal livello del mare, fino ad arrampicarsi a 1000 metri di altitudine. Oggi l'azienda è in mano ai figli di Francesco: Mario che si occupa della parte commerciale, Salvatore, grande enologo, e Michele che cura i rapporti con i viticoltori di Ischia per l’acquisto di uve. Con loro arrivano importanti miglioramenti: investimenti in impianti moderni, la costruzione dello stabilimento enologico a Panza d’Ischia, l’acquisto di nuovi vigneti nelle zone più rinomate dell'isola e puntare fortemente solo sulle varietà autoctone e tradizionali come Biancolella, Forastera, Per e Palummo e Guarnaccia. La vendemmia inizia verso il 20 settembre e si protrae fino al 10 ottobre: in ragione dalla diversa qualità e collocazione tra un vigneto e l'altro, i periodi di maturazione variano, ma questo non impedisce di ottenere vini equilibrati ogni anno. La raccolta delle uve è rigorosamente manuale e trasportate in cantina attraverso piccole cassette al fine di garantirne la perfetta integrità. La cantina è un edifico meravigliosamente integrato con il territorio, incastonata in un anfiteatro naturale ai piedi del monte Epomeo. All’interno si articolano tutte le fasi della produzione ,con serbatoi di acciaio e la bottaia per l’affinamento del vino rosso. Nascono così etichette dal carattere spiccatamente mediterraneo, dal profilo marcatamente salino, espressivo del terroir ischiano, apprezzati ogni anno per la loro piacevole bevibilità.

No reviews

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno anche comprato:

Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.