• -4,10 €
Brachetto d'Acqui DOCG Rosa Regale Banfi - Enoteca Telaro

Brachetto d'Acqui DOCG Rosa Regale Banfi 2018

5,65 € 9,75 € -4,10 €
  • DenominazioneDenominazione:Brachetto d'Acqui DOCG
  • UveUve:Barchetto 100%
  • ColoreColore:Rosso rubino con sfumature purpuree
  • OdoreOdore:Naso confettura di fragole e rosa, muschio ed erbe aromatiche
  • SaporeSapore:Fresco, frizzante, con impercettibili tannini, chiude con note di frutta e minerali
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:7% vol.
  • FormatoFormato:75 cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:8° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Macedonia, frutta fresca, crostate e pasticceria secca
Ordinalo entro 5 ore e 41 minuti per riceverlo tra Martedì 9 marzo e Mercoledì 10 marzo

Il Brachetto d’Acqui, vino rosso frizzante, brioso e fresco, caratterizzato dalla quasi assenza di tannini e dalla delicata struttura, ha una storia molto antica, secondo la quale già al tempo dei Romani, nella zona di Acqui si produceva un vino che, si diceva, avesse proprietà afrodisiache. Probabilmente un antenato del Brachetto, il Vinum Acquense, fu portato a Cleopatra da Marco Antonio e da Giulio Cesare poiché sembrava lo gradisse molto.

CARATTERISTICHE

Brachetto d'Acqui DOCG Rosa Regale Banfi, colore rosso rubino con sfumature purpuree. Al naso note di confettura di fragole e rosa, muschio ed erbe aromatiche. Al palato, fresco, frizzante, con impercettibili tannini, chiude con note di frutta e minerali.

ABBINAMENTI

Brachetto d'Acqui DOCG Rosa Regale Banfi, ideale dopo pasto con macedonia, frutta fresca, crostate e pasticceria secca.

REGIONE: PIEMONTE

Piemonte

Il Piemonte, seconda regione più estesa d'Italia dopo la Sicilia, è una delle più varie dal punto di vista geografico e climatico. Il principale sistema collinare, il cui paesaggio vitivinicolo è stato di recente insignito della tutela Unesco, è costituito da Langhe, Monferrato e Roero, localizzato nella parte meridionale e orientale della regione. A nord troviamo l'altra grande area collinare, composta da Canavese, Coste della Sesia e Colli Novaresi.

Ci troviamo in una regione a clima generalmente temperato, con estati umide e calde rinfrescate da violenti temporali, autunni nebbiosi e piovosi, inverni mediamente freddi con nevicate abbondanti in collina, e primavere relativamente miti. La combinazione di territorio e clima piemontese si rivela quindi adatta alla coltivazione di alcuni vitigni autoctoni che qui hanno trovato la loro più felice espressione, a cominciare da Nebbiolo e Barbera, che la viticoltura piemontese ha saputo esprimere ai massimi livelli mondiali.

A oggi i grandi vini piemontesi restano i più premiati e ambiti tra i vini italiani all'estero, superando spesso anche gli acclamati toscani. Accanto a vini ormai mitici come Barolo e Barbaresco, il Piemonte offre però molti vini più economici altrettanto validi, come le squisite Barbere d'Asti, Nizza e Alba, e alcuni sorprendenti Dolcetto, oltre a pregiati Nebbiolo coltivati in altre denominazioni. Il valore di un ettaro di Barolo, nelle zone più importanti, supera ormai il milione di euro.

Regione
Piemonte
Colore
Rosso Rubino
Odore
Fruttato
Sapore
Fresco
Gradazione (% vol.)
7
Contenuto
37.5 Cl
Tipologia
Rosso
99 Articoli

Banfi nasce nel 1978 grazie alla volontà dei fratelli italoamericani John e Harry Mariani.  A fianco della famiglia Mariani, Ezio Rivella, uno dei più grandi enologi italiani, il quale ritiene subito che per la ricchezza della natura del suolo e la privilegiata posizione microclimatica, i territori acquisiti avrebbero avuto grosse potenzialità di sviluppo. In quegli anni, i fratelli John e Harry rilevano inoltre la storica casa vinicola piemontese Bruzzone, attiva fin dal 1860 e specializzata nella produzione di spumanti, per farne il marchio piemontese del gruppo, oggi Banfi Piemonte. La grande professionalità di Banfi si traduce in prodotti dalle caratteristiche eccezionali. Tutto è progettato ed eseguito per raggiungere l'eccellenza, partendo dalla cantina passando per la gestione sostenibile dei vigneti. Banfi conta circa 3000 ettari di terreno (tra il Piemonte e la Toscana)  e un parco di oltre 7000 barrique

  • Anno di fondazione: 1978
  • Proprietà: Famiglia Mariani
  • Enologo: Rudy Buratti
  • Bottiglie prodotte: 10.500.000
  • Ettari: 850
No reviews

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno anche comprato:

Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.