• -18%
Champagne Blanc de Blancs Ruinart - Enoteca Telaro

Champagne Blanc de Blancs "2ND SKIN" Ruinart

70,57 € 86,07 € -18%
  • DenominazioneDenominazione:Champagne AOC
  • UveUve:Chardonnay in purezza
  • ColoreColore:Giallo paglierino luminoso
  • OdoreOdore:Note fruttate di agrumi e frutti esotici. Sentori di limone, cedro, ananas, frutto della passione affiancano tracce floreali 
  • SaporeSapore:Di buon corpo, morbido e al tempo stesso supportato da un’eccellente freschezza, chiude con un finale di ottima persistenza
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:12.5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:8 - 10° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Aperitivo, si abbina a innumerevoli preparazioni a base di pesce. Tartare di branzino agli agrumi e zenzero, sogliola alla griglia
Ordinalo entro 14 ore e 36 minuti per riceverlo tra Giovedì 21 ottobre e Venerdì 22 ottobre

Ruinart Brut Blanc de Blancs in una nuova veste: un nuovo packaging, eco-compatibile e interamente riciclabile. Esibisce una ”second skin” in cui design ed ecocompatibilità si fondono, un involucro di carta realizzato con fibre di legno naturali, provenienti da foreste europee gestite secondo criteri di sostenibilità.

CARATTERISTICHE

Champagne Blanc de Blancs "2ND SKIN" Ruinart, ha un colore giallo paglierino luminoso, dal perlage fine e persistente. Al naso rivela note fruttate di agrumi e frutti esotici. Sentori di limone, cedro, ananas, frutto della passione affiancano tracce floreali prima di un assaggio preciso, netto, elegantissimo. Di buon corpo, morbido e al tempo stesso supportato da un’eccellente freschezza, chiude con un finale di ottima persistenza.

ABBINAMENTI

Champagne Blanc de Blancs "2ND SKIN" Ruinart, si abbina con aperitivo, si abbina a innumerevoli preparazioni a base di pesce. Tartare di branzino agli agrumi e zenzero, sogliola alla griglia.

REGIONE: Champagne

Champagne

Champagne è una storica regione vinicola a nord-est della Francia, questa zona ha avuto un ruolo storico significativo nello sviluppo di un terroir unico al mondo. I confini viticoli dello Champagne sono legalmente definiti e suddivisi in cinque distretti vitivinicoli all'interno della provincia storica: Aube, Côte des Blancs, Côte de Sézanne, Montagne de Reims e Vallée de la Marne. Champagne ha sviluppato una reputazione per la produzione di vino di qualità già nel primo Medioevo ed è stata in grado di mantenere quella reputazione grazie ai produttori della regione, che hanno iniziato a produrre spumanti con l'avvento delle grandi case di Champagne nel diciassettesimo e diciottesimo secolo. Il termine "Champagne" è utilizzato esclusivamente per i vini che provengono da questa regione.

Le uve principali coltivate nella regione includono Chardonnay, Pinot nero e Pinot Meunier. Il pinot nero è l'uva più coltivata nella regione dell'Aube e cresce molto bene nelle Montagne de Reims. Il Pinot Meunier è l'uva dominante nella Vallée de la Marne. La Côte des Blancs, invece, produce quasi esclusivamente lo Chardonnay.

VITIGNO: CHARDONNAY

Chardonnay

LA PIANTA

Ha foglia media, rotonda; il grappolo è di medie dimensioni, piramidale, serrato, scarsamente alato; l'acino è di media grandezza, con buccia mediamente consistente, tenera e di colore giallo dorato. La vigoria è elevata, la produttività regolare e abbondante. La vendemmia è abbastanza precoce (prima decade di settembre o in alcune aree collinari addirittura agosto, per la produzione di vini metodo classico come il Franciacorta). Predilige i climi temperato-caldi, i terreni collinari, argillosi e calcarei, gli ambienti ventilati e freschi. È sensibile alle gelate primaverili.

IL VINO

Dallo Chardonnay si ottengono vini fermi, frizzanti o spumanti, con gradazione alcolica alta e acidità piuttosto elevata. Il colore del vino è giallo paglierino non particolarmente carico, il profumo, caratteristico, è delicato e fruttato (frutta tropicale, ananas in particolare), il sapore elegante e armonico. Se invecchiato assume note di frutta secca. È particolarmente indicato per l'affinamento in barrique.

Provenienza
Francia
Uve
Chardonnay
Gradazione (% vol.)
12.5
Contenuto
75 Cl
Tipologia
Bollicina
XYRNO5FE
6 Articoli

L'attività sempre crescente ha richiesto nuove soluzioni di archiviazione. RUINART ha esaminato l'uso di pozzi di gesso sfruttati dai Romani. Più o meno abbandonato, Claude Ruinart decise di acquistarli come cantine. Fino a quel momento le preziose bottiglie di champagne erano state conservate nelle cantine delle residenze private e ciò si rivelò insufficiente.

Nel primo quarto del XIX secolo, la Maison investì in ulteriori vigneti, estendendo le cantine e sviluppando la clientela. Nuovi mercati in Inghilterra e negli Stati Uniti si sono aperti.

Tuttavia, la prima guerra mondiale, il crollo del 1929 e la seconda guerra mondiale, hanno avuto un impatto su RUINART. Nel 1946 rimasero in magazzino solo 10.000 bottiglie e solo due clienti a Parigi; RUINART era sull'orlo della scomparsa. Nello stesso anno Bertrand Mure, un membro della famiglia, prese il comando e iniziò a ricostruire la casa e il marchio da zero. Questo è quando la Camera ha deciso di concentrarsi su Chardonnay, che oggi caratterizza gli champagne RUINART.

Dopo un passato glorioso e una serie di vicissitudini, RUINART è entrato a far parte del gruppo di lusso LVMH e da allora è diventato uno dei marchi di champagne più apprezzati e rispettati in Francia.

RUINART HOUSE

RUINART è attualmente gestito da Frédéric Dufour e il suo maestro di cantina è  Frédéric Panaïotis . La casa vende circa 3 milioni di bottiglie all'anno.

STILE RUINART

Gli champagne RUINART sono caratterizzati da una percentuale insolitamente elevata di Chardonnay nelle miscele, con conseguente freschezza fine ed eleganza, con un certo potere.

  • Anno di fondazione: 1729
  • Proprietà: Frederic Dufour
  • Enologo:Frederic Panaiotis
  • Bottiglie prodotte:3.000.000
  • Ettari:18
No reviews
Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.