• -18%
Champagne Rosé Dom Ruinart 2004 - Enoteca Telaro
Champagne Rosé Dom Ruinart 2004 - Enoteca Telaro
Champagne Rosé Dom Ruinart 2004 - Enoteca Telaro
Champagne Rosé Dom Ruinart 2004 - Enoteca Telaro

Champagne Rosé Dom Ruinart 2004

Ultimi articoli in magazzino
235,72 € 287,46 € -18%
  • UveUve:80% Chardonnay, 20% Pinot Nero
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:12.5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:8 - 10° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Risotto al radicchio, anatra ai funghi, costata di vitello.
Ordinalo ora per riceverlo tra Martedì 1 e Mercoledì 2 dicembre

Ha colore scuro, corallo profondo con riflessi delicatamente ramati. La sua effervescenza è fine e persistente. Il primo approccio olfattivo sorprende per l'intensità e la complessità aromatica. Le note di frutti esotici e di agrumi si mescolano con aromi floreali come la viola e la rosa. L'aerazione svela un altro tono, con note di brioche, fiori d'arancio e orzata, con sfondo di frutti rossi perfettamente maturi. Si ritrova al palato una bella gamma aromatica in un tono fruttato, floreale e speziato. Finale strutturato e ben equilibrato, con una sottile nota amara accentuata dal dosaggio contenuto.

Valorizzerà i piatti saporiti come il piccione laccato alla soja, l'anatra selvatica ai funghi e alle amarene, la costata di vitello cotta a bassa temperatura ed il suo risotto al radicchio, oppure un tortino d'animella caramellizzato.

Provenienza
Francia
Uve
Chardonnay
Gradazione (% vol.)
12.5
Contenuto
75 Cl
Tipologia
Bollicina
FR9OCFUK

L'attività sempre crescente ha richiesto nuove soluzioni di archiviazione. RUINART ha esaminato l'uso di pozzi di gesso sfruttati dai Romani. Più o meno abbandonato, Claude Ruinart decise di acquistarli come cantine. Fino a quel momento le preziose bottiglie di champagne erano state conservate nelle cantine delle residenze private e ciò si rivelò insufficiente.

Nel primo quarto del XIX secolo, la Maison investì in ulteriori vigneti, estendendo le cantine e sviluppando la clientela. Nuovi mercati in Inghilterra e negli Stati Uniti si sono aperti.

Tuttavia, la prima guerra mondiale, il crollo del 1929 e la seconda guerra mondiale, hanno avuto un impatto su RUINART. Nel 1946 rimasero in magazzino solo 10.000 bottiglie e solo due clienti a Parigi; RUINART era sull'orlo della scomparsa. Nello stesso anno Bertrand Mure, un membro della famiglia, prese il comando e iniziò a ricostruire la casa e il marchio da zero. Questo è quando la Camera ha deciso di concentrarsi su Chardonnay, che oggi caratterizza gli champagne RUINART.

Dopo un passato glorioso e una serie di vicissitudini, RUINART è entrato a far parte del gruppo di lusso LVMH e da allora è diventato uno dei marchi di champagne più apprezzati e rispettati in Francia.

RUINART HOUSE

RUINART è attualmente gestito da Frédéric Dufour e il suo maestro di cantina è  Frédéric Panaïotis . La casa vende circa 3 milioni di bottiglie all'anno.

STILE RUINART

Gli champagne RUINART sono caratterizzati da una percentuale insolitamente elevata di Chardonnay nelle miscele, con conseguente freschezza fine ed eleganza, con un certo potere.

  • Anno di fondazione: 1729
  • Proprietà: Frederic Dufour
  • Enologo:Frederic Panaiotis
  • Bottiglie prodotte:3.000.000
  • Ettari:18
No reviews
Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.