• -16%
Cinqueterre Bianco DOC Forlini Cappellini Vini Estremi- Enoteca Telaro

Cinqueterre Bianco DOC Forlini Cappellini Vini Estremi 2019

Ultimi articoli in magazzino
23,75 € 28,28 € -16%
  • DenominazioneDenominazione:Cinque Terre DOC
  • UveUve:Bosco, Albarola, Vermentino
  • ColoreColore:Giallo paglierino intenso
  • OdoreOdore:Sentori di agrumi ed erbe aromatiche
  • SaporeSapore:Deciso, morbido, fresco di notevole sapidità
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:13.5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:8 - 10° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Antipasti di pesce, formaggi freschi, frittura di pesce e risotti
Ordinalo entro 7 ore e 25 minuti per riceverlo tra Martedì 9 marzo e Mercoledì 10 marzo

Il Cinque Terre Bianco della cantina Forlini Cappellini è un vino bianco fresco, minerale e ricco di suggestioni marine prodotto a Manarola, splendido borgo della riviera ligure di Levante, frazione del comune di Riomaggiore, sede di quella meraviglia naturale che è il Parco Nazionale delle Cinqueterre. Questa etichetta è ottenuta da un blend di uve autoctone del territorio che vedono il Vermentino, unirsi alle varietà Bosco e Albarola in un perfetto connubio che esalta le ricchezze del terroir. Le vigne sono situate a circa 150-300 metri di altitudine su colline terrazzate e molto ripide, caratterizzate da terreni prevalentemente sabbiosi, che rendono la pratica vitivinicola un’attività eroica. La cantina è una piccolissima realtà a carattere famigliare che è fortemente legata alla tradizione agricola ligure e lavora l’unico ettaro di proprietà con grandissima passione e competenza.

CARATTERISTICHE

Cinqueterre Bianco DOC Forlini Cappellini Vini Estremi, colore giallo paglierino intenso, sentori agrumati ed erbe aromatiche e speziate. Il suo gusto è armoatico, morbido e fresco.

ABBINAMENTI

Cinqueterre Bianco DOC Forlini Cappellini Vini Estremi, si abbina con antipasti di pesce, risotti , formaggi freschi.

REGIONE: LIGURIA

Liguria

La Liguria disegna da ovest a est un lungo arco di montagne e ripide colline che perlopiù si gettano in mare senza lasciare spazio a zone pianeggianti. Le pochissime valli e le aree costiere sono quindi densamente abitate, mentre sui versanti collinari le pendenze, spesso superiori al 30%, rendono difficile la coltivazione della vite, che qui assume tratti di viticoltura eroica. La cura di questi monumentali terrazzamenti richiede un intenso lavoro manuale, oltre all’installazione di funivie o cremagliere. Ma vigneti e vini liguri sono un patrimonio antico: già nel Medioevo in Liguria si produceva il vino delle Cinque Terre e si coltivavano Rossese e Pigato. Molti vitigni che oggi si coltivano in altre regioni sono passati dalla Liguria, terra di transito e di scambi. Alcuni vigneti si trovano all’interno di parchi e riserve naturali, e le terrazze, costruite lungo la costa e le valli dell’entroterra, ospitano la vite fino a 550 metri sul livello del mare, dentro scenari di straordinaria bellezza. Le precipitazioni sono abbondanti in primavera e scarse in estate, e il clima è generalmente mite sulla costa, con una temperatura media di 14°, e continentale nell’entroterra. In Liguria si produce circa un centesimo del vino italiano, e come in Valle d’Aosta troviamo un’estrema frammentazione delle realtà produttive, con il 70% di aziende proprietarie di meno di un ettaro di terreno. Nonostante gli sforzi di pochi coraggiosi che si oppongono all’abbandono, proprio i costi elevati di produzione, oltre alla difficoltà nel reperimento di manodopera e, va detto, al generale dissesto idrogeologico della regione – risultato di decenni di politiche che hanno creato danni irreparabili – hanno portato a un progressivo abbandono dei vigneti e a una sensibile riduzione delle superfici vitate.

VITIGNO: VERMENTINO

Vermentino

LA PIANTA

Si distinguono due tipi di Vermentino, quello a grappolo serrato e quello spargolo, detto anche "sciolto": il primo è medio-grosso, piramidale e dotato di due ali; il secondo è medio, generalmente cilindrico e allungato. Di conseguenza presentano anche due tipologie di acini: il Vermentino serrato, ha l'acino medio-grosso, sferoide e talvolta leggermente allungato, mentre quello spargolo ha un acino un po' più piccolo, sferoidale e con una colorazione giallo ambrata più estesa. L'epoca di maturazione è simile e si colloca di solito attorno alla seconda terza decade di settembre.

IL VINO

Negli anni Sessanta e Settanta il Vermentino era in gran parte utilizzato come uva da tavola e non per la vinificazione. Le versioni tradizionali danno solitamente un vino dal bouquet ampio ed elegante, dove si intrecciano leggere note di frutta fresca, di agrumi e di fiori bianchi o di campo. Al gusto risulta pieno ed equilibrato, sostenuto in genere da buona acidità e da una fine sapidità. Si apprezza da giovane ma è capace di evolvere positivamente nel medio periodo.

Provenienza
Italia
Uve
Vermentino
Colore
Rosso Rubino
Odore
Fruttato
Sapore
Fresco
Gradazione (% vol.)
13.5
Contenuto
75 Cl
Tipologia
Bianco
BARBVIB
3 Articoli
No reviews
Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.