• PROMO

Fiano di Avellino Sequenzha Benito Ferrara 2017

13,70 € 14,43 € -5%
  • DenominazioneDenominazione:Fiano di Avellino DOCG
  • UveUve:100% Fiano
  • ColoreColore:Giallo Paglierino 
  • OdoreOdore:Elegante e ampio, sentori di frutta bianca e profumi di nocciola
  • SaporeSapore:Vellutato e saporito, grande mineralità e molto equilibrato
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:13,5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:10 - 12° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Pesce in umido, risotto alle verdure, formaggi freschi, risotto ai frutti di mare 
Ordinalo ora per riceverlo tra Mercoledì 20 e Giovedì 21 novembre

DESCRIZIONE

Fiano di Avellino Sequenzha di Benito Ferrara è un Fiano 100% prodotto da vitigni di 20 anni. I vigneti di Fiano si trovano nella zona di Lapio, situata a 500 metri sul livello del mare, con esposizione a est. I grappoli vengono pressati soffici e poi fatti fermentare in acciaio inossidabile, dove matura per 8 mesi prima dell'imbottigliamento.

CARATTERISTICHE

Fiano di Avellino Sequenzha di Benito Ferrara si presenta alla vista con un colore giallo paglierino. Al naso si presente elegante e ampio, grazie ai sentori di frutta bianca e profumi di nocciola.Al palato proprio grazie alle caratteristiche del fiano è vellutato e saporito, ha grande mineralità ed è ben equilibrato

ABBINAMENTI

Questo Fiano è ottimo da abbinare con pesce in umido, risotto alle verdure, formaggi freschi o risotto ai frutti di mare

REGIONE: CAMPANIA

Campania

Le origini antichissime della viticoltura campana sono evidenti nei due metodi di allevamento della vite usati ancora oggi, quello ad alberello, di origine greca, e la tecnica etrusca in cui la vite si fa arrampicare attorno a pali e tronchi di alberi campestri per poi collegare rami e tralci tramite graticci — chiamati tennecchie, cioè tende — in una specie di pergolato che unisce un albero all'altro, integrando quindi la viticoltura con la vegetazione esistente insieme ad altre coltivazioni.

L'intera regione è situata all'interno di un antico teatro vulcanico, di cui oggi il Vesuvio rappresenta il più importante esempio ancora attivo. Questa peculiarità ha contribuito a determinare una grande varietà di suoli, che spaziano dalle rocce piroclastiche e dai tufi del Nord alle sabbie e arenarie del Taburno, ricche di quarzi e marne calcaree, ai calcari della Costiera Amalfitana, alle sabbie argillose dell'Irpinia. Nelle province di Napoli, Salerno e Caserta il clima è mite e mediterraneo, mentre in quelle interne di Avellino e Benevento le temperature sono più rigide man mano che si sale verso l'Appennino, con piogge abbondanti soprattutto in Irpinia.

In provincia di Avellino troviamo le Docg bianche Fiano di Avellino e Greco di Tufo, intitolate agli omonimi vitigni, mentre le due Dogc rosse a base di Aglianico sono il Taurasi, sempre nell'Avellinese, e l'Aglianico del Taburno in provincia di Benevento. Sulla costa, scendendo da nord a sud le Doc Galluccio, Falerno del Massico e Aversa nel Casertano, poi le Doc Campi Flegrei, Ischia, Vesuvio e Penisola Sorrentina in provincia di Napoli, quindi Costa d'Amalfi a ovest di Salerno e la grande area occupata dalla Doc Cilento a sud.

L'immagine del vino campano è legata soprattutto alla personalità vivace dei suoi bianchi: Fiano, Greco e Falanghina, ma il vitigno in grado di interpretare al meglio il genius loci di questa regione con freschezza, potenza e longevità è proprio lAglianico, che in 17 comuni dell'Irpinia dà origine al magnifico Taurasi.

VITIGNO: FIANO

Fiano

LA PIANTA

Il grappolo è medio-piccolo, non particolarmente compatto, di forma piramidale, con ala ben sviluppata. L'acino è ellittico, di medie dimensioni, di colore giallo dorato con macchie ambrate sul lato esposto al sole e scarsamente pruinoso. Ha la buccia spessa che gli dona particolare resistenza alla botrytis, consentendo vendemmie molto ritardate e permettendogli, all'occorrenza, di diventare una buona uva da tavola. Matura in genere all'inizio di ottobre.

IL VINO

Dai classici autori latini alle corti medievali dell'Italia meridionale, fino alla critica moderna, il Fiano è sempre stato considerato uno dei più nobili vitigni a bacca bianca della penisola. L'armonia raggiunta tra il clima della zona di produzione e il vitigno regalano un bianco di grande finezza olfattiva - i principali descrittori sono la mela, la pera, la nocciola e il miele -, sostenuta da una vibrante acidità che ne fa uno dei più longevi del Paese. Gli ultimi anni hanno visto il proliferare di nuove tecniche di vinificazione (fermentazione in barrique e produzione di passiti) che diversificano le proposte senza però apportare miglioramenti notevoli.

Dettagli del prodotto

Regione
Campania
Denominazione
Fiano di Avellino DOCG
Colore
Giallo Paglierino
Odore
Fruttato
Sapore
Fresco
Vellutato
Gradazione (% vol.)
13.5

Recensioni

Nessuna recensione
Prodotto aggiunto alla lista dei desideri

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.