• -16%
Fiano di Avellino Vadiaperti - Enoteca Telaro

Fiano di Avellino Vadiaperti 2019

Ultimi articoli in magazzino
10,26 € 12,21 € -16%
  • DenominazioneDenominazione:Fiano di Avellino DOCG
  • UveUve:Fiano di Avellino in Purezza
  • ColoreColore:Giallo Paglierino
  • OdoreOdore:Coinvolge al naso con toni di fieno, margherite, pera verde ed erbe aromatiche
  • SaporeSapore:Buon corpo, con componente fresco-sapida ben scandita; persiste su sapori citrici
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:13,5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:10 - 12° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Astice alla Catalana
Ordinalo entro 16 ore e 51 minuti per riceverlo tra Martedì 19 ottobre e Mercoledì 20 ottobre

Vadiaperti ha una scalata qualitativa inesorabile, che negli ultimi anni ha interessato i suoi vini, coronata quest'anno dall'eccellenza raggiunta dal Greco di Tufo Tornante.

CARATTERISTICHE

Coinvolge al naso con toni di fieno, margherite, pera verde ed erbe aromatiche. Buon corpo, con componente fresco-sapida ben scandita; persiste su sapori citrici. termina il suo viaggio in acciaio per 4 mesi

ABBINAMENTI

Astice alla Catalana

REGIONE: CAMPANIA

Campania

Le origini antichissime della viticoltura campana sono evidenti nei due metodi di allevamento della vite usati ancora oggi, quello ad alberello, di origine greca, e la tecnica etrusca in cui la vite si fa arrampicare attorno a pali e tronchi di alberi campestri per poi collegare rami e tralci tramite graticci — chiamati tennecchie, cioè tende — in una specie di pergolato che unisce un albero all'altro, integrando quindi la viticoltura con la vegetazione esistente insieme ad altre coltivazioni.

L'intera regione è situata all'interno di un antico teatro vulcanico, di cui oggi il Vesuvio rappresenta il più importante esempio ancora attivo. Questa peculiarità ha contribuito a determinare una grande varietà di suoli, che spaziano dalle rocce piroclastiche e dai tufi del Nord alle sabbie e arenarie del Taburno, ricche di quarzi e marne calcaree, ai calcari della Costiera Amalfitana, alle sabbie argillose dell'Irpinia. Nelle province di Napoli, Salerno e Caserta il clima è mite e mediterraneo, mentre in quelle interne di Avellino e Benevento le temperature sono più rigide man mano che si sale verso l'Appennino, con piogge abbondanti soprattutto in Irpinia.

In provincia di Avellino troviamo le Docg bianche Fiano di Avellino e Greco di Tufo, intitolate agli omonimi vitigni, mentre le due Dogc rosse a base di Aglianico sono il Taurasi, sempre nell'Avellinese, e l'Aglianico del Taburno in provincia di Benevento. Sulla costa, scendendo da nord a sud le Doc Galluccio, Falerno del Massico e Aversa nel Casertano, poi le Doc Campi Flegrei, Ischia, Vesuvio e Penisola Sorrentina in provincia di Napoli, quindi Costa d'Amalfi a ovest di Salerno e la grande area occupata dalla Doc Cilento a sud.

L'immagine del vino campano è legata soprattutto alla personalità vivace dei suoi bianchi: Fiano, Greco e Falanghina, ma il vitigno in grado di interpretare al meglio il genius loci di questa regione con freschezza, potenza e longevità è proprio l’Aglianico, che in 17 comuni dell'Irpinia dà origine al magnifico Taurasi.

VITIGNO: FIANO

Fiano

LA PIANTA

Il grappolo è medio-piccolo, non particolarmente compatto, di forma piramidale, con ala ben sviluppata. L'acino è ellittico, di medie dimensioni, di colore giallo dorato con macchie ambrate sul lato esposto al sole e scarsamente pruinoso. Ha la buccia spessa che gli dona particolare resistenza alla botrytis, consentendo vendemmie molto ritardate e permettendogli, all'occorrenza, di diventare una buona uva da tavola. Matura in genere all'inizio di ottobre.

IL VINO

Dai classici autori latini alle corti medievali dell'Italia meridionale, fino alla critica moderna, il Fiano è sempre stato considerato uno dei più nobili vitigni a bacca bianca della penisola. L'armonia raggiunta tra il clima della zona di produzione e il vitigno regalano un bianco di grande finezza olfattiva - i principali descrittori sono la mela, la pera, la nocciola e il miele -, sostenuta da una vibrante acidità che ne fa uno dei più longevi del Paese. Gli ultimi anni hanno visto il proliferare di nuove tecniche di vinificazione (fermentazione in barrique e produzione di passiti) che diversificano le proposte senza però apportare miglioramenti notevoli.

Regione
Campania
Denominazione
Fiano di Avellino DOCG
Uve
Fiano
Gradazione (% vol.)
13.5
Contenuto
75 Cl
3 Articoli

Il vino si fa in vigna! Lo asserisce fermamente Raffaele Troisi, figlio d’arte, che dopo la scomparsa del papà Antonio, tra i primi conferitori di Montefredane a mettersi in proprio per vinificare e imbottigliare, continua a valorizzare i concetti di tipicità varietale delle uve e dei vini irpini. È così che il lavoro si focalizza sulla coda di volpe e in particolare sulla selezione Torama, un vitigno non più visto come uva da taglio, ma capace di dare un vino energico e di acidità vibrante. Aiperti e Tornante sono rispettivamente Fiano di Avellino e Greco di Tufo, vini da leggere nel bicchiere dopo qualche anno. Raffaele Troisi continua a darci dei bianchi davvero interessanti dapprima poco leggibili, ma successivamente sorprendenti. A cominciare dall’ottimo Greco di Tufo Tornante ’17, dai sentori di fiori di sambuco e anice e sfumature muschiate. La bocca ha tessitura sapida e sensazioni delicatamente lattiche in evoluzione. Continua a piacerci anche l’Irpinia Coda di Volpe ’17 che Raffaele ha cominciato a produrre nel lontano ’93. Naso tipico e varietale, bocca consistente.

No reviews

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno anche comprato:

Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.