• -16%
Malvasia Istriana DOC “Dis Cumieris” Vie di Romans - Enoteca Telaro

Malvasia Istriana Friuli Isonzo DOC “Dis Cumieris” Vie di Romans 2018

Ultimi articoli in magazzino
19,62 € 23,36 € -16%

Le tappe fondamentali del nuovo ciclo iniziato da Gianfranco Gallo alla guida di Vie di Romans sono cinque: nel 1978, quando Gianfranco inizia la sua avventura in azienda, il primo imbottigliamento; nel 1982 l'ammodernamento dei vigneti in ottica qualitativa; nell'89 la costruzione della nuova cantina su tre piani e l'anno successivo la prima vinificazione delle uve distinte per cru di provenienza, i cui risultati vengono immessi in commercio nel 1992: da allora i vini bianchi vengono sempre commercializzati due anni dopo la vendemmia. Quest'anno dunque troviamo in batteria i vini dell'annata 2017, una vendemmia che ha reso necessari alcuni interventi d'emergenza per scongiurare le gelate primaverili ma che poi si è rivelata piuttosto magnanima nel periodo cruciale che va da Maggio ad Agosto, donando uve ricche di zuccheri, sane e ben mature sia dal punto di vista aromatico, sia da quello fenolico. Troviamo perciò vini di buona concentrazione, dai profumi intensi e di piacevole morbidezza al palato, sempre iscritti in un quadro di eleganza che è la firma di Vie di Romans.

CARATTERISTICHE

Malvasia Istriana Friuli Isonzo DOC “Dis Cumieris” Vie di Romans, ha un colore giallo paglierino con riflessi dorati. Al naso raffinati sentori floreali, note di tiglio. al palato fresco, persistente e sapido.

ABBINAMENTI

Malvasia Istriana Friuli Isonzo DOC “Dis Cumieris” Vie di Romans, si abbina con antipasti di pesce affumicato, carni bianche e pesce alla griglia.

Friuli Venezia Giulia

Come la Liguria a ovest, nella storia il Friuli-Venezia Giulia è stato una regione di transito e di scambi, in particolare con l'Oriente, e questo si riflette anche nella sua viticoltura, che non a caso negli ultimi vent'anni ha raggiunto fama e notorietà anche grazie a quei vini che guardano a est, verso la terra d'origine della viticoltura mondiale che è il Caucaso. Alcuni produttori friulani si sono ispirati a metodi di vinificazione antichi che ancora oggi si utilizzano in Georgia, e li hanno applicati sia ai vitigni internazionali sia agli autoctoni friulani, con risultati di estrema originalità che hanno diviso l'opinione pubblica e inaugurato con largo anticipo l'ampio dibattito sul vino cosiddetto "naturale" che è oggi di moda. In questa piccola regione solcata verticalmente da Piave, Isonzo e Tagliamento, le zone più vocate alla coltivazione della vite sono concentrate nella parte orientale, dove troviamo le ampie e levigate colline del Collio e dei Colli Orientali, e, all'estremo est dell'Italia, l'altopiano roccioso del Carso, dal paesaggio brullo e quasi lunare.

Il clima è molto piovoso, ma l'influenza del mare e l'arieggiamento costante mitigano freddo e umidità, assicurando una buona maturazione delle uve in estate.

I vitigni bianchi più coltivati sono Chardonnay, Sauvignon Blanc e Riesling tra gli internazionali e Friulano (ex Tocai), Ribolla Gialla, Malvasia Istriana, Pinot Grigio, Pinot Bianco, Verduzzo e Picolit tra gli autoctoni

I vitigni rossi, oltre agli indigeni Refosco dal Peduncolo Rosso, Schioppettino e Pignolo, si trovano anche validi esempi di Merlot dei Colli Orientali.

VITIGNO: MALVASIA

Malvasia

LA PIANTA

Il grappolo è di medie dimensioni, cilindrico o cilindrico-conico, allungato e spargolo. L'acino, medio o piccolo, è subrotondo o sferoidale; la buccia è sottile e tenera, poco pruinosa, di colore giallo dorato. La produzione è mediocre per quantità è poco costante. L'epoca di maturazione è media e pertanto le uve sono raccolte in genere intrno alla seconda metà di settembre, a meno che non si voglia arrivare a un loro appassimento.

IL VINO

L'uva Malvasia di Lipari è impiegata esclusivamente per la vinificazione. La versione è Dolce da uve fresche è fruttata, fragrante e armonica, decisamente più interessante quella da uve leggermente appassite, che si presenta con un colore giallo dorato o ambrato, con profumi delicati di frutta fresca o sciroppata, di agrumi canditi, miele e fiori secchi, e con gusto pieno, caldo, avvolgente, vellutato e prolungato

Regione
Friuli Venezia Giulia
Provenienza
Italia
Uve
Lacrima
Colore
Giallo Dorato
Odore
Floreale
Sapore
Fresco
Gradazione (% vol.)
14
Contenuto
75 Cl
Tipologia
Bianco
5 Articoli

Le tappe fondamentali del nuovo ciclo iniziato da Gianfranco Gallo alla guida di Vie di Romans sono cinque: nel 1978, quando Gianfranco inizia la sua avventura in azienda, il primo imbottigliamento; nel 1982 l'ammodernamento dei vigneti in ottica qualitativa; nell'89 la costruzione della nuova cantina su tre piani e l'anno successivo la prima vinificazione delle uve distinte per cru di provenienza, i cui risultati vengono immessi in commercio nel 1992: da allora i vini bianchi vengono sempre commercializzati due anni dopo la vendemmia. Quest'anno dunque troviamo in batteria i vini dell'annata 2017, una vendemmia che ha reso necessari alcuni interventi d'emergenza per scongiurare le gelate primaverili ma che poi si è rivelata piuttosto magnanima nel periodo cruciale che va da Maggio ad Agosto, donando uve ricche di zuccheri, sane e ben mature sia dal punto di vista aromatico, sia da quello fenolico. Troviamo perciò vini di buona concentrazione, dai profumi intensi e di piacevole morbidezza al palato, sempre iscritti in un quadro di eleganza che è la firma di Vie di Romans.

No reviews
Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.