• -16%
Don Luigi Di Majo Norante
Don Luigi Di Majo Norante
Don Luigi Di Majo Norante
Don Luigi Di Majo Norante

Molise Rosso Doc Riserva Don Luigi Di Majo Norante 2015

Ultimi articoli in magazzino
19,28 € 22,95 € -16%
  • DenominazioneDenominazione: Molise DOC
  • UveUve:Montepulciano 90%, Aglianico 10%
  • ColoreColore:Rosso Granato
  • OdoreOdore:Frutta rossa matura, prugna e sottobosco
  • SaporeSapore:Fresco e polposo con una struttura importante
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:14,5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:16 - 18° C
  • AbbinamentiAbbinamenti: Carni rosse, cacciagione e formaggi
Ordinalo ora per riceverlo tra Mercoledì 8 e Giovedì 9 luglio

Molise Rosso Doc Riserva Don Luigi Di Majo Norante è ottenuto dalla selezione in purezza delle migliori e più mature uve di Montepulciano. È vinificato tradizionalmente con lungo contatto del mosto con le vinacce e maturato in piccole botti di rovere.

CARATTERISTICHE

Molise Rosso Doc Riserva Don Luigi Di Majo Norante di colore rosso granato intenso con riflessi violacei, è un vino ricco, intenso, di grande armonia con perfetta fusione fra i sapori di frutta matura che evocano il sottobosco, la prugna, sentori di legno tostato e vaniglia. Il vino rosso Don Luigi DOC della cantina Di Majo Norante si presenta all’esame organolettico con un colore rosso granato intenso e profondo, difficilmente si riescono a scorgere riflessi violacei. È un vino ricco, intenso, di grande armonia con perfetta fusione fra i sapori di frutta matura che evocano il sottobosco, la prugna, sentori di legno tostato e vaniglia.

ABBINAMENTI

Molise Rosso Doc Riserva Don Luigi Di Majo Norante si abbina alla perfezione con le carni rosse, la cacciagione, piatti della grande cucina mediterranea, formaggi più o meno stagionati, formaggi muffati e carni alla griglia. La temperatura di servizio è di 18° C in bicchiere tipo “Bordeaux”, avendo cura di stappare la bottiglia almeno un'ora prima.

REGIONE: MOLISE

Molise

Un po’ dimenticata dai consumatori, la produzione vinicola del Molise resta comunque quantitativamente assai superiore a quella della Valle d’Aosta e della Liguria. Non mancano i vini di valore, ma sono ancora insufficienti le cantine private in grado di farsi conoscere, per cui la quantità di vino sfuso resta predominante. Ma di questo Aglianico e di questa Tintilia, oltre che del sempre valido Montepulciano, sentiremo sempre più parlare. Il Molise, morfologicamente affine all’Abruzzo benché le sue colline siano più levigate e dolcemente ondulate, è la regione più piccola dell’Italia Meridionale con le due sole province di Isernia e Campobasso ma, a differenza dell’unica altra regione italiana con cui è comparabile per dimensioni, la Valle d’Aosta, non offre ancora sul mercato un’immagine complessiva del suo vino ben definita e percepita come qualitativamente alta. Questo non è certo dovuto alle scarse possibilità territoriali – si pensi alle regioni vicine, di cui la viticoltura molisana sente l’influenza – ma solo a un ostinato isolamento che fa sì che del Molise in generale si parli poco. Le fonti di ispirazione per i viticoltori molisani non sono lontane, così come gli splendidi vitigni autoctoni utilizzati: dall’Abruzzo è arrivato il Montepulciano, assieme ad Aglianico e Fiano dalla Campania, e dà buoni risultati anche il Moscato Bianco, di probabile derivazione pugliese. Anche il Molise comunque ha un suo vitigno importante, fino a pochi anni fa quasi del tutto scomparso e oggi riscoperto come simbolo di tipicità regionale: un vitigno sorprendentemente versatile – in grado di distinguersi in tutti i suoi aspetti compreso il nome: Tintilia – che sta incominciando ad attirare l’attenzione l’attenzione della critica internazionale.

VITIGNO: MONTEPULCIANO

Montepulciano

LA PIANTA

Il Montepulciano ha un grappolo di media grandezza e compattezza, quasi sempre alato, di forma piramidale o conica. L'acino è medio, dalla forma leggermente allungata, dotato di spessa e consistente buccia pruinosa, dal colore nero violaceo. Tradizionalmente allevato a tendone per ottenere risultati intensivi, supporta con ottimi risultati qualitativi potature corte e impianti fitti. La maturazione avviene sempre in epoca piuttosto avanzata e la raccolta è effettuata a partire dalle prime settimane di ottobre.

IL VINO

La generosità dell'uva Montepulciano non deve far dimenticare la sua potenziale propensione ad accenti rustici, tipici delle uve del Centrosud. Lo sforzo dei migliori produttori contemporanei è stato volto a creare vini eccellenti, degli di essere annoverati tra i migliori del mondo per capacità espressiva, date la potenza, la struttura, l'eleganza e l'ampiezza delle sfumature olfattive, superbe anche con l'invecchiamento. I vini rossi a base Montepulciano si caratterizzano per i nitidi rimandi alla ciliegia e alla marasca, per la piena struttura apportata da tannini fitti, morbidi, poco aggressivi e per il finale sostenuto da una notevole forza estrattiva e alcolica. Queste caratteristiche li hanno per anni relegati al ruolo di apprezzati vini da taglio e ne hanno ritardato la piena diffusione e la conoscenza. L'uva si presta inoltre a una molteplicità di interpretazioni, come la vinificazione in bianco per vini fermi o per una base spumantistica. Tradizionalmente importante è l'utilizzo neli vini rosati tra cui il Cerasuolo d'Abruzzo, cui regala intensi profumi e struttura adeguata.

Regione
Molise
Denominazione
Molise Doc
Uve
Aglianico
Montepulciano
Colore
Rosso Granato
Odore
Fruttato
Sapore
Fresco
Gradazione (% vol.)
14.5
No reviews

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno anche comprato:

Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.