• -16%
Pallagrello Bianco Fontanavigna Terre del Principe - Enoteca Telaro
Pallagrello Bianco Fontanavigna Terre del Principe - Enoteca Telaro
Pallagrello Bianco Fontanavigna Terre del Principe - Enoteca Telaro
Pallagrello Bianco Fontanavigna Terre del Principe - Enoteca Telaro

Pallagrello Bianco Fontanavigna Terre del Principe 2018

Non disponibile
10,95 € 13,03 € -16%
  • DenominazioneDenominazione:Terre del Volturno IGT
  • UveUve:Pallagrello Bianco 100%
  • ColoreColore:Giallo paglierino
  • OdoreOdore:Naso con intensi profumi di acacia, pescanoce e aloe
  • SaporeSapore:Si rafforza all'assaggio, temprato da decise sapidità e freschezza. Ancora gradevolmente saporito il finale
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:13.5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:10-12° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Risotto ai calamari

Cernita manuale, pigiatura e pressatura soffici, fermentazione in tini di acciaio ad una temperatura tra il 14 – 15 °C, permanenza sulle fecce fini per mesi 6, affinamento in bottiglia per almeno mesi tre.

CARATTERISTICHE

Il vino è di colore giallo paglierino, brillante, al naso presenta profumi di frutta fresca con una dominanza di note di mela, ananas e melone. Al gusto è fresco, equilibrato, con una nota balsamica.

ABBINAMENTI

Risotto ai calamari

REGIONE: CAMPANIA

Campania

Le origini antichissime della viticoltura campana sono evidenti nei due metodi di allevamento della vite usati ancora oggi, quello ad alberello, di origine greca, e la tecnica etrusca in cui la vite si fa arrampicare attorno a pali e tronchi di alberi campestri per poi collegare rami e tralci tramite graticci — chiamati tennecchie, cioè tende — in una specie di pergolato che unisce un albero all'altro, integrando quindi la viticoltura con la vegetazione esistente insieme ad altre coltivazioni.

L'intera regione è situata all'interno di un antico teatro vulcanico, di cui oggi il Vesuvio rappresenta il più importante esempio ancora attivo. Questa peculiarità ha contribuito a determinare una grande varietà di suoli, che spaziano dalle rocce piroclastiche e dai tufi del Nord alle sabbie e arenarie del Taburno, ricche di quarzi e marne calcaree, ai calcari della Costiera Amalfitana, alle sabbie argillose dell'Irpinia. Nelle province di Napoli, Salerno e Caserta il clima è mite e mediterraneo, mentre in quelle interne di Avellino e Benevento le temperature sono più rigide man mano che si sale verso l'Appennino, con piogge abbondanti soprattutto in Irpinia.

In provincia di Avellino troviamo le Docg bianche Fiano di Avellino e Greco di Tufo, intitolate agli omonimi vitigni, mentre le due Dogc rosse a base di Aglianico sono il Taurasi, sempre nell'Avellinese, e l'Aglianico del Taburno in provincia di Benevento. Sulla costa, scendendo da nord a sud le Doc Galluccio, Falerno del Massico e Aversa nel Casertano, poi le Doc Campi Flegrei, Ischia, Vesuvio e Penisola Sorrentina in provincia di Napoli, quindi Costa d'Amalfi a ovest di Salerno e la grande area occupata dalla Doc Cilento a sud.

L'immagine del vino campano è legata soprattutto alla personalità vivace dei suoi bianchi: Fiano, Greco e Falanghina, ma il vitigno in grado di interpretare al meglio il genius loci di questa regione con freschezza, potenza e longevità è proprio l’Aglianico, che in 17 comuni dell'Irpinia dà origine al magnifico Taurasi.

Regione
Campania
Uve
Pallagrello Bianco
Gradazione (% vol.)
13.5
Contenuto
75 Cl

Una certezza qualitativa dell'Alto Casertano e dell'intera Campania vitivinicola, la solita sfilata di vini di ottimo livello, con un acuto per la versione di Vigna Piancastelli. La rivalutazione di un intero territorio spesso si deve all'iniziativa di poche persone illuminate. Peppe Mancini è una di queste, pioniere dell'indagine sulle potenzialità di Casavecchia e Pallagrello nell'areale di Castel Campagnano, appoggiato dall'amore incondizionato di Manuela Piancastelli.

Bibenda: La passione per la viticoltura di Giuseppe Mancini, inizia a svilupparsi sin dall’infanzia quando suo nonno lo portava a passeggio fra i vigneti che rientravano nei suoi poderi, già allora popolati da Pallagrello e Casavecchia. Ispirato da queste ‘memorie contadine’, decide di abbandonare la professione di avvocato e di accettare, assieme a Manuela Piancastelli giornalista del quotidiano ‘ Il Mattino ’, la sfida di riportare in auge queste antiche varietà autoctone, potendo contare anche sulla valente collaborazione del prof. Luigi Moio. Obbiettivo che si realizza pienamente negli anni Duemila, grazie alla collaborazione con l’Università di Napoli e la Regione Campania che ha portato all'inserimento nel Registro Nazionale delle varietà di vite, Pallagrello Bianco, Pallagrello Nero e Casavecchia, successivamente riconosciute anche nell’Igt Terre del Volturno e nella Doc Casavecchia di Pontelatone. Valida e consolidata la gamma presentata in questa Edizione, che quest’anno offre un vasto assortimento di etichette in cui torna all’appello tutta la produzione aziendale.

No reviews

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno anche comprato:

Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.