• -19%
Regaleali Bianco DOC Tasca D'Almerita - Enoteca Telaro
Regaleali Bianco DOC Tasca D'Almerita - Enoteca Telaro
Regaleali Bianco DOC Tasca D'Almerita - Enoteca Telaro
Regaleali Bianco DOC Tasca D'Almerita - Enoteca Telaro

Regaleali Bianco DOC Tasca D'Almerita 2019

Ultimi articoli in magazzino
7,24 € 8,93 € -19%
  • UveUve:Inzolia (28%), Grecanico (21%), Catarratto (41%), Chardonnay (10%)
  • ColoreColore:Giallo paglierino leggero
  • OdoreOdore:Note floreali e fruttate
  • SaporeSapore:All’assaggio è di corpo lieve e sottile, caratterizzato da un sorso avvolgente e puntuale, che rende la beva davvero piacevole
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:12.5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:10 - 12° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Antipasti di pesce, sushi e sashimi 
Ordinalo entro 7 ore e 46 minuti per riceverlo tra Mercoledì 12 maggio e Giovedì 13 maggio

Nel 1830 i due fratelli Tasca acquistarono la “Tenuta Regaleali”, un’isola verde al centro della Sicilia, nell’antica Contea di Sclafani. Da allora, generazione dopo generazione, siamo custodi di questo territorio, condividendone con passione i suoi frutti. Dopo le due guerre del secolo scorso, in un periodo in cui la Sicilia non era conosciuta per i prodotti della sua agricoltura né per la varietà dei suoi territori, abbiamo iniziato a vinificare nella Tenuta Regaleali un bianco fresco e leggero (tra i pochi facili da bere in quell’epoca), un rosso di media struttura e un rosato di tutto rispetto: i tre vini su cui Regaleali ha costruito la sua fama. Nel 1959 mio nonno Giuseppe Tasca d’Almerita piantò ad alberello Perricone e Nero d’Avola sulla collina San Lucio, investendo in un futuro che pochi siciliani riuscivano allora a immaginare. Creò così le basi per il primo vino da vigna unica in Sicilia: il “Riserva del Conte” – da tutti poi chiamato Rosso del Conte – proposto al mercato con l’annata 1970. Un rosso di particolare longevità, ancora oggi icona della Tenuta. Nei primi anni ’80 fu la volta del Nozze d’Oro, un vino bianco da uve autoctone (Inzolia e “Sauvignon Tasca”), capace di affinarsi a lungo in bottiglia. Verso la fine dello stesso decennio mio padre Lucio Tasca ebbe la felice intuizione di portare in Sicilia le varietà di uva più diffuse a livello internazionale, per confrontarsi con le più grandi case vinicole del mondo. Dopo qualche vendemmia di sperimentazione, nacquero il Cabernet Sauvignon e lo Chardonnay, i primi prodotti in Sicilia: vini che ci aprirono le porte verso una buona reputazione anche all’estero.Dal quel momento in poi abbiamo anche iniziato a valorizzare le varietà locali, vinificandole in purezza: Nero d’Avola, Catarratto, Perricone (tipiche della zona) Nerello Mascalese e Grillo.Dal 2001 mi è stato affidato il compito di guidare l’azienda di famiglia, nella precisa volontà di lasciare ai nostri figli e ai nostri nipoti un ambiente migliore di quello che abbiamo ereditato, rafforzando la vocazione storica verso la qualità e la continua sperimentazione.Regaleali, una tenuta di quasi 600 ettari, 12 tipologie di suoli diversi, 6 colline tra i 450 e gli 850 metri sul livello del mare, va intesa come una isola a sé stante, un Monopole da studiare e conoscere con precisione. Tutti i vini provengono da una singola vigna o da più vigne, comunque all’interno della stessa tenuta.Ora è arrivato il tempo di imparare a conoscere ancora più approfonditamente i dettagli di questo fazzoletto di terra (che mio nonno Giuseppe chiamava le “colline benedette di Regaleali”), indagando gli aspetti più profondi dello strettissimo rapporto Vino/Vigna, le complesse interazioni tra le singole parcelle vitate e la grande biodiversità dell’ambiente naturale in cui sono immerse.

CARATTERISTICHE

Regaleali Bianco DOC Tasca D'Almerita, dl colore giallo paglierino chiaro, con noti floreali e fruttate.Alll'assaggio è di corpo lieve e sottile, che rende la beva davvero piacevole.

ABBINAMENTI

Regaleali Bianco DOC Tasca D'Almerita, si abbina con piatti al pesce, antipasti di pesce e sushi e sashimi.

REGIONE: SICILIA

Sicilia

La Sicilia. Il grande vulcano caratterizza a livello paesaggistico e climatico la parte orientale di questa vasta isola, la più grande del Mediterraneo, in cui l'influenza del mare e dei venti, unita alla prevalenza di suolo collinare, offre una varietà di microclimi e territori che nel corso dei secoli si sono ricoperti di campi di grano, uliveti, agrumeti e vigneti. Il clima è generalmente molto caldo e secco, con l'eccezione dell'Etna, dove non è raro che nevichi anche in estate. Un viaggio ideale alla ricerca dei vini siciliani dovrebbe articolarsi in un'alternanza di visite a grandi aziende storiche e produttori più piccoli, molti dei quali coltivano in regime biologico o biodinamico e riescono a esprimere appieno il carattere dei loro Nero d'Avola e Frappato-che si trovano insieme nel Cerasuolo di Vittoria, unica DOCG dell'isola o Nerello Mascalese e Perricone tra i rossi e Catarratto, Zibibbo e Malvasia della Lipari tra i bianchi.

Il vino è l'elemento che unisce natura e cultura, e che potrebbe da solo fare da traino a un settore turistico di alto livello che in Sicilia cerca la stessa combinazione di arte, paesaggio e umanità.

VITIGNO: CATARRATTO

Catarratto

LA PIANTA

Il grappolo è generalmente di medie dimensioni, cilindrico o conico, con una o due ali, a volte compatto ma in genere spargolo o mediamente spargolo. L'acino è medio, sferoidale o ellissoidale, con buccia spessa, poco pruinosa, in alcune varietà lucida, di colore giallo dorato che diventa ambrato nella parte esposta al sole. Data la grande differenza intravarietale, cui va aggiunta la larga diffusione in territori anche molto dissimili, si fa fatica a definire con precisione l'epoca della raccolta delle uve, che comunque solitamente è compresa nel mese di settembre.

IL VINO

Fino a qualche tempo fa i vini prodotti con Catarratto presentavano aromi caratteristici e aromatici che, col passare degli anni, tendevano ad assumere toni tipici dei vini meridionali. Oggi la situazione è molto diversa e dal Catarratto si ottengono vini dal colore giallo paglierino carico, con profumi fruttati e complessi, con gusto asciutto, caldo, di buona acidità e sostenuta corposità, che a seconda delle modalità con le quali sono stati prodotti possono essere apprezzati giovani oppure migliorare dopo un medio invecchiamento.

Regione
Sicilia
Provenienza
Italia
Uve
Catarrato
Chardonnay
Colore
Giallo Paglierino
Odore
Fruttato
Sapore
Armonico
P3ZDLM0V
4 Articoli

Quella dei Tasca d'Almerita è certamente tra le poche cantine italiane che per lunga storia e tradizione è assimilabile ai più famosi chateau d'Oltralpe. Ma nonostante ciò non è certo un'azienda che ha vissuto la sua storia recente sugli allori del passato; anzi è stata tra le principali protagoniste della rinascita dell'enologia italiana e siciliana in particolare. Lucio Tasca, con i figli Giuseppe e Alberto, non solo ha modernizzato la cantina di Regaleali dotandola di tutta la più avanzata tecnologia, ha anche investito moltissimo in nuovi territori come l'Etna, Salina, Mozia e Monreale. Anche quest'anno i Tasca hanno inviato alle nostre degustazioni una batteria di vini di altissimo livello qualitativo. Sfiora i Tre Bicchieri il Rosso del Conte '14 (nero d'Avola e perricone), vino di grande spessore, ampio e sfaccettato, fresco, sapido e di lunga persistenza al palato. Ad un passo dal podio anche Tascante Buonora '17, un Etna Bianco intenso ed elegante, fresco e ben bilanciato.

No reviews

I clienti che hanno acquistato questo prodotto hanno anche comprato:

Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.