Tino Vermentino di Sardegna Mora&Memo 2018

12,30 €
  • DenominazioneDenominazione: Vermentino di Sardegna DOC
  • UveUve:100%Vermentino
  • ColoreColore:Giallo Paglierino
  • OdoreOdore: Intensamente Floreale, con note vegetali di rosmarino
  • SaporeSapore:Caldo, pieno ed equilibrato
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:12,5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:10 - 12° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Ottimo con Zuppa di Pesce al pomodoro, risotto ai frutti di mare
Ordinalo entro 4 ore e 23 minuti per riceverlo tra Martedì 17 settembre e Mercoledì 18 settembre

DESCRIZIONE

Mora&Memo è il risultato di una passione che si trova solo nelle persone che hanno respirato vigne e vini fin dalla loro nascita, il risultato di una tradizione che si perde nelle quattro generazioni precedenti e, soprattutto, la passione di Elisabetta, figlia e nipote di vigna dell'arte delle vigne e del vino. In questo ambiente, Elisabetta ha maturato la sua idea di vino, realizzando il suo sogno di Mora&Memo nel 2013. Lo stile del vino sardo che lei ha sempre pensato, quello di una terra straordinaria che ha ancora molte cose da scoprire e da raccontare.... così come la sua interpretazione dell'immagine sarda nelle bottiglie contrapponendo le "more" ai quattro mori della bandiera della Sardegna, con un immagine di una donna forte decisa, fortemente ancorata al passato e alle tradizioni ma che strizza l'occhio al moderno e al mondo esterno.

CARATTERISTICHE

Tino è un Vermentino di Sardegna DOC prodotto interamente con uve vermentino. Alla vista si presenta con un colore giallo paglierino. Al naso arriva un profumo intensamente floreale, con note vegetali di rosmarino. Al palato si dimostra un vino caldo, pieno ed equilibrato

ABBINAMENTI

Ottimo con Zuppa di Pesce al pomodoro, risotto ai frutti di mare

REGIONE: SARDEGNA

Sardegna

La Sardegna vanta il primato di regione con la tradizione vitivinicola più antica. Una recente scoperta da parte di un gruppo di paleobotanici del Centro Conservazione Biodiversità dell'Università degli Studi di Cagliari ha rinvenuto semi di Malvasia e Vernaccia databili a 3000 anni fa, anticipando di secoli la diffusione della viticoltura nel Mediterraneo da parte dei Fenici.La Sardegna non è però ancora riuscita a sfruttare appieno il proprio potenziale di grande varietà di vitigni e vini originali che può offrire. Ad eccezione di alcune aziende che già operano ad alti livelli con continuità, ci sarebbe molto spazio per nuove generazioni di produttori che volessero puntare sulla qualità, piuttosto che accontentarsi di produzioni massificate da parte di grandi cantine. Guardando avanti, però questo limite rappresenta un potenziale. La categoria dei vini rossi è capitanata da Cannonau, Carignano e Monica, gli abitanti della regione bevono maggiormente i rossi della regione, mentre i numerosi turisti bevono maggiormente bianco, ma per fortuna le migliori etichette iniziano ad essere esportate in modo consistente: un successo destinato a crescere.

Il vino sardo offre tanti esempi di efficace personalità, frutto della felice relazione tra territorio e vitigno sia nel caso delle varietà più diffuse, sia per quelle minori come Bovale, Girò, Cagnulari, Semidano, Caddiu o Nieddera, sia infine per le tipologie internazionali come il Cabernet Sauvignon, che in Sardegna ha trovato una delle migliori espressioni nazionali.

VITIGNO: VERMENTINO

Vermentino

LA PIANTA

Si distinguono due tipi di Vermentino, quello a grappolo serrato e quello spargolo, detto anche "sciolto": il primo è medio-grosso, piramidale e dotato di due ali; il secondo è medio, generalmente cilindrico e allungato. Di conseguenza presentano anche due tipologie di acini: il Vermentino serrato, ha l'acino medio-grosso, sferoide e talvolta leggermente allungato, mentre quello spargolo ha un acino un po' più piccolo, sferoidale e con una colorazione giallo ambrata più estesa. L'epoca di maturazione è simile e si colloca di solito attorno alla seconda terza decade di settembre.

IL VINO

Negli anni Sessanta e Settanta il Vermentino era in gran parte utilizzato come uva da tavola e non per la vinificazione. Le versioni tradizionali danno solitamente un vino dal bouquet ampio ed elegante, dove si intrecciano leggere note di frutta fresca, di agrumi e di fiori bianchi o di campo. Al gusto risulta pieno ed equilibrato, sostenuto in genere da buona acidità e da una fine sapidità. Si apprezza da giovane ma è capace di evolvere positivamente nel medio periodo.

Dettagli del prodotto

Regione
Sardegna
Denominazione
Vermentino di Sardegna DOC
Uve
Vermentino
Colore
Giallo Paglierino
Odore
Floreale
Sapore
Armonico

Recensioni

Nessuna recensione
Prodotto aggiunto alla lista dei desideri

SIAMO LA PRIMA ENOTECA ONLINE

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

RICEVI SUBITO UNA BOTTIGLIA DI AGLIANICO IN OMAGGIO!

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.