• PROMO
Trebbiano d'Abruzzo Bio DOC Valori
Trebbiano d'Abruzzo Bio DOC Valori
Trebbiano d'Abruzzo Bio DOC Valori
Trebbiano d'Abruzzo Bio DOC Valori

Trebbiano d'Abruzzo Bio DOC Valori 2016

Non Disponibile
6,20 € 7,38 € -16%
  • DenominazioneDenominazione:Trebbiano DOC
  • UveUve:Trebbiano 100%
  • ColoreColore:Paglierino
  • OdoreOdore:Soavi note fruttate
  • SaporeSapore:Lunga scia di pesca 
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:12% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:10 - 12 C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Frittura di carciofi

DESCRIZIONE

Produzione animata da più solida concretezza qualitativa oltre che da un vino fermento per i risultati ottenuti. L'azienda lavora su un pacchetto vigne di circa 40 anni di età per il Trebbiano d'Abruzzo e per il Montepulciano d'aBruzzo, di circa 20 anni per il Merlot e di meno di dieci per il Pecorino. Su questa base in azienda si è iniziata la conversione al metodo biologica.

CARATTERISTICHE

paglierino. Impatto di ginestra, susina, pompelmo. Ottima freschezza, discreta morbidezza e sapidità. La componente alcolica accompagna il finale agrumato

ABBINAMENTI

Frittura di carciofi

REGIONE: ABRUZZO

Abruzzo

In passato l'Abruzzo è stato il regno incontrastato di cantine sociali che hanno fornito i grandi imbottigliatori del Nord Italia e non solo. Anche per questo il suo vasto territorio non è stato studiato e suddiviso in base alle diverse potenzialità viticole, fermandosi in sostanza alle due grandi tipologie locali, il Trebbiano per i bianchi e il Montepulciano per i rossi, che si possono coltivare quasi ovunque all'interno delle due Doc regionali. L'unica Docg presente è quella del Montepulciano d'Abruzzo Colline Teramane, che è limitata a una trentina di comuni in provincia di Teramo e impone Montepulciano in purezza o con un massimo di 10% di Sangiovese.

Eppure a livello viticolo, e più in generale paesaggistico, l'Abruzzo è una delle regioni più incontaminate in Italia: ricoperto per un terzo della superficie di colline e per due terzi di montagne, mentre i paesaggi nel resto della penisolariflettono quasi sempre la presenza dell'uomo, in Abruzzo è ancora possibile viaggiare per decine di chilometri all'interno di terre selvagge e quasi disabitate, e attraversando borghi medioevali perfettamente conservati in un'atmosfera idilliaca salire sino a Campo Imperatore, l'altopiano sotto il Gran Sasso, il massiccio più elevato degli appennini, meta di sciatori d'inverno e di pastori con le loro greggi e mandrie d'estate.

Il vino abruzzese riflette dunque questo carattere rurale antico, e bere questi vini dovrebbe essere un gesto da associare a un viaggio in questa terra incantata.

VITIGNO: TREBBIANO

Trebbiano

LA PIANTA

Il grappolo è medo-grande di forma conico piramidale, compatto o semicompatto e dotato di una serie di una o due ali. L'acino è medio-grosso, sferoidale, con buccia pruinosa, sottile ma consistente, di colore giallo-verde che diventa dorato o ambrato in epoca di piena maturazione.

IL VINO

Le grandi differenze evidenziate da ogni singola varietà non permettono di tratteggiare caratteristiche comuni per i vini prodotti nelle diverse zone d'Italia. Da qualche tempo molti produttori di varie parti d'Italia (anche della Toscana e della Romagna, regioni considerate tra le più "malefiche" per la produzione di Trebbiano) hanno considerato sotto nuova luce questo vitigno, ricavando vini di grande interesse. Ovunque risulta particolarmente adatto per la produzione dei vini base destinati alla distillazione per la produzione dei migliori brandy.

Dettagli del prodotto

Tipologia
Bianco
Regione
Abruzzo
Provenienza
Italia
Denominazione
Trebbiano d'Abruzzo DOC
Uve
Trebbiano
Gradazione (% vol.)
12.5
Contenuto
75 Cl
GGNJIL82

Recensioni

Nessuna recensione
Prodotto aggiunto alla lista dei desideri

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.