• -16%
Trebbiano La Risposta N.3 Podere la Brigata - Enoteca Telaro
Trebbiano La Risposta N.3 Podere la Brigata - Enoteca Telaro
Trebbiano La Risposta N.3 Podere la Brigata - Enoteca Telaro
Trebbiano La Risposta N.3 Podere la Brigata - Enoteca Telaro

Trebbiano La Risposta N.3 Podere la Brigata 2018

8,26 € 9,84 € -16%
  • DenominazioneDenominazione:Trebbiano 
  • UveUve:Trebbiano 100%
  • ColoreColore:Giallo dorato intenso
  • OdoreOdore:Profumi leggeri e freschi di agrumi, finale minerale
  • SaporeSapore:Beverino, un sorso dopo l'altro
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:11.5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:10 - 12° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Cannelloni con crema di broccoletti
Ordinalo entro 1 ore e 36 minuti per riceverlo tra Martedì 9 marzo e Mercoledì 10 marzo

Parlare di Claudio Cipressi significa parlare del Molise stesso, della forza di un territorio antico costruito su valori e tradizioni. 15 ettari vitati su terreni argilloso-calcarei, posti in posizione privilegiata a 500 metri s.l.m. Quella di Claudio Cipressi è una storia di passione, competenza, sensibilità e rispetto di un uomo verso la sua terra. E questo è già visibile nella scelta del metodo di coltivazione in vigna, rigorosamente biologico e portato avanti con processi di lavorazione tradizionali e non invasivi, per mantenere intatta la ricchezza e la personalità delle uve; nella lunga tradizione di qualità e nella continua ricerca sia in vigna che in cantina, che gli ha permesso di valorizzare le uve di partenza, ottimizzando le loro potenzialità. In modo speciale e particolare il vitigno Tintilia, essenza stessa di questa terra e di una cultura millenaria, capace di esprimerne il carattere selvaggio e irruento, per poi scoprire un cuore caldo e generoso, testimonianza del perfetto legame fra l’uomo e la vite.

CARATTERISTICHE

Trebbiano del Molise DOP Le Scoste Claudio Cipressi ha un colore giallo dorato intenso, luminoso. Un Trebbiano dagli accenti soavi e delicati che riportano a profumi di melone bianco, limoncella, prugna goccia d'oro, e tanti fiori ed erbe aromatiche a completare l'olfatto. Ricco l'assaggio, in una struttura piena e compatta, mentre echi freschi e sapidi aiutano l'equilibrio. Finale di frutta salata. Vigneto a 200 metri s.l.m. Tutto acciaio e affinamento in bottiglia per 3 mesi.

ABBINAMENTI

Trebbiano del Molise DOP Le Scoste Claudio Cipressi da abbinare a dei Cannelloni con crema di broccoletti

REGIONE: MOLISE

Molise

Un po’ dimenticata dai consumatori, la produzione vinicola del Molise resta comunque quantitativamente assai superiore a quella della Valle d’Aosta e della Liguria. Non mancano i vini di valore, ma sono ancora insufficienti le cantine private in grado di farsi conoscere, per cui la quantità di vino sfuso resta predominante. Ma di questo Aglianico e di questa Tintilia, oltre che del sempre valido Montepulciano, sentiremo sempre più parlare. Il Molise, morfologicamente affine all’Abruzzo benché le sue colline siano più levigate e dolcemente ondulate, è la regione più piccola dell’Italia Meridionale con le due sole province di Isernia e Campobasso ma, a differenza dell’unica altra regione italiana con cui è comparabile per dimensioni, la Valle d’Aosta, non offre ancora sul mercato un’immagine complessiva del suo vino ben definita e percepita come qualitativamente alta. Questo non è certo dovuto alle scarse possibilità territoriali – si pensi alle regioni vicine, di cui la viticoltura molisana sente l’influenza – ma solo a un ostinato isolamento che fa sì che del Molise in generale si parli poco. Le fonti di ispirazione per i viticoltori molisani non sono lontane, così come gli splendidi vitigni autoctoni utilizzati: dall’Abruzzo è arrivato il Montepulciano, assieme ad Aglianico e Fiano dalla Campania, e dà buoni risultati anche il Moscato Bianco, di probabile derivazione pugliese. Anche il Molise comunque ha un suo vitigno importante, fino a pochi anni fa quasi del tutto scomparso e oggi riscoperto come simbolo di tipicità regionale: un vitigno sorprendentemente versatile – in grado di distinguersi in tutti i suoi aspetti compreso il nome: Tintilia – che sta incominciando ad attirare l’attenzione l’attenzione della critica internazionale.

VITIGNO: TREBBIANO

Trebbiano

LA PIANTA

Il grappolo è medo-grande di forma conico piramidale, compatto o semicompatto e dotato di una serie di una o due ali. L'acino è medio-grosso, sferoidale, con buccia pruinosa, sottile ma consistente, di colore giallo-verde che diventa dorato o ambrato in epoca di piena maturazione.

IL VINO

Le grandi differenze evidenziate da ogni singola varietà non permettono di tratteggiare caratteristiche comuni per i vini prodotti nelle diverse zone d'Italia. Da qualche tempo molti produttori di varie parti d'Italia (anche della Toscana e della Romagna, regioni considerate tra le più "malefiche" per la produzione di Trebbiano) hanno considerato sotto nuova luce questo vitigno, ricavando vini di grande interesse. Ovunque risulta particolarmente adatto per la produzione dei vini base destinati alla distillazione per la produzione dei migliori brandy.

Regione
Abruzzo
Provenienza
Italia
Denominazione
Trebbiano d'Abruzzo DOC
Uve
Trebbiano
Gradazione (% vol.)
11.5
Contenuto
75 Cl
Tipologia
Bianco
TRECAS
6 Articoli

“Vini fieri da osteria alla portata di tutti”: il motto della “brigata” capeggiata da Alessandra Di Francesco, agronoma e re-
sponsabile della conduzione delle vigne, e suo marito Paolo, colonna storica di Caves, è chiarissimo. Vini dissetanti e alla
portata di tutti partendo dalle uve regine d’Abruzzo: Trebbiano e Montepulciano. Il cuore aziendale sono 3 ettari di vigna nel
comune di Pratola Peligna, zona prevalentemente montuosa (siamo in provincia dell’Aquila) dove gli sbalzi termici regalano
un gran carattere alle uve. Temporaneamente, le vinificazioni vengono effettuate in una cantina d’appoggio, con l’obiettivo
quanto prima di raggiungere una piena indipendenza produttiva.

No reviews
Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.