• -16%
Valpolicella Classico Il Calice DOC Bolla La Fondazione - Enoteca Telaro
Valpolicella Classico Il Calice Bolla La Fondazione - Enoteca Telaro
Valpolicella Classico Il Calice DOC Bolla La Fondazione - Enoteca Telaro
Valpolicella Classico Il Calice Bolla La Fondazione - Enoteca Telaro

Valpolicella Classico Il Calice DOC Bolla La Fondazione 2018

6,75 € 8,03 € -16%
  • DenominazioneDenominazione:Valpolicella Classico DOCG
  • UveUve:Corvina per il 75% e Corvinone per il 25% 
  • ColoreColore:Rosso Rubino con riflessi granati
  • OdoreOdore:Note di frutti rossi, profumo ben pronunciato 
  • SaporeSapore:Secco, armonico e sapido  
  • Gradazione alcolicaGradazione alcolica:12.5% vol.
  • FormatoFormato:75 Cl
  • Temperatura di servizioTemperatura di servizio:18-20° C
  • AbbinamentiAbbinamenti:Pasta all'amatriciana, Affettati e salumi, Stinco di maiale al forno, Arrosto di carne, Formaggi di media stagionatura, Scaloppine ai funghi, Risotto allo zafferano
Ordinalo ora riceverlo tra Martedì 13 e Mercoledì 14 aprile

Il Valpolicella Classico è prodotto esclusivamente nei comuni che rientrano nell’area della Valpolicella Classica in provincia di Verona. “Il Calice”, che prende dall’antica osteria veneziana della famiglia Bolla.

CARATTERISTICHE

Valpolicella Classico Il Calice DOC Bolla La Fondazione, colore rosso rubino con riflessi granati. All'olfatto sentori di frutti rossi, un profumo ben pronunciato. al palato secco, sapido e armonico.

ABBINAMENTI

Valpolicella Classico Il Calice DOC Bolla La Fondazione, si abbina con pasta all'amatriciana, Affettati e salumi, Stinco di maiale al forno, Arrosto di carne, Formaggi di media stagionatura, Scaloppine ai funghi, Risotto allo zafferano.

REGIONE: VENETO

Veneto

Il Veneto è oggi la prima regione d'Italia per quantità di vino prodotto, con un volume d'affari che supera il miliardo di euro.Puntare sull'alta qualità in una regione che nel suo complesso conta circa 40.000 produttori e ha puntato su grandi volumi venduti a prezzi bassi non è certamente semplice, ma i vini buoni o buonissimi segnalati sono sono tanti, basti considerare all'opulenza e all'intensità gustativa dell'Amarone e del Recioto della Valpolicella, con vini importanti anche in aree meno riconosciute come Piave e Breganze, o i Colli Euganei e Berici.

Tornando al vino, dal punto di vista organolettico non si possono probabilmente immaginare due stili più diversi tra quello piemontese e quello veneto, se si paragona un Barolo a un Amarone della Valpolicella, e questo è un buon esempio della varietà di territori e culture che costituiscono il complesso mosaico del vino italiano. Anche per quanto riguarda il paesaggio vi sono notevoli differenze: gettando uno sguardo da ovest a est, troviamo colline basse e lievemente ondulate dai terreni calcarei e compatti che dalla zona del Garda digradano nella pianura che occupa più della metà della regione.L'influenza delle montagne determina ampie escursioni termiche tra freddi inverni e estati torride, mitigate in prossimità del Lago di Garda. Proprio a Est del Lago, troviamo la Valèpolicella classica, che comprende i 5 comuni originari della Denominazione, mentre la zona di produzione dell'Amarone prosegue in Valpantena, Val Tramigna, Val d'Illasi e Val di Mezzane fino a Soave, patria dell'omonima DOC-DOCG.

A Sud, i rossi corposi del Lison-Pramaggiore e del Piave Malanotte godono delle brezze marine provenienti dall'Adriatico, dove il clima è più mite rispetto al Nord incorniciato tra le Dolomiti. A Sud di Vicenza e Padova infine i Colli Euganei, di origine vulcanica, e i Colli Berici, caratterizzati da sedimenti marini e terreni calcarei, ma segnaliamo anche interessanti risultati da vitigni quali Carmenère, Raboso e Tai Rosso.

VITIGNO: CORVINA

Corvina

LA PIANTA

Il grappoli si presenta di dimensioni medie, allungato, cilindrico-piramidale, piuttosto compatto e con un'ala spesso lunga. L'acino è di media grandezza e di forma quasi ellissoidale; la buccia, di uno splendido blu violaceo, è spessa e consistente, molto pruinosa, e contiene una polpa dal sapore semplice e dolce. Il Corvina Gentile ha un grappolo leggermente più spargolo, mentre il Rizza ha in genere folie e grappolo più piccoli. Germoglia tardivamente e matura in epoca medio-tardiva, pertanto la vendemmia generalmente si compie nelle ultime giornate di settembre e nelle prime di ottobre

IL VINO

Il vino ottenuto da vinificazione tradizionale di uve fresche ha un bel colore rosso rubino intrenso. I profumi sono dominati dalle sensazioni fruttate, ciliegia in particolare, mentre con l'invecchiamento presenta interessanti sfumature speziate e minerali. Al palato ha un corpo sostenuto, mantenendo buona acidità e tannini dolci, che rendono l'insieme armonico e di ottimo equilibrio. Se prodotto con grande cura e buona ocncentrazione, può invecchiare per parecchi anni. Con le uve appassite si possono ottenere i dolci Recioti- di grande impatto olfattico, misurata e raffinata dolcezza ed estrema morbidezza- e gli Amaroni, grandi rossi strutturati capaci di invecchiare per decenni

Regione
Veneto
Uve
Corvina
Colore
Rosso Granato
Odore
Fruttato
Sapore
Morbido
Sapido
Gradazione (% vol.)
12.5
Contenuto
75 Cl
10 Articoli

La prima cantina risale al 1883 e fu realizzata a Soave, cittadina medioevale a sud-est di Verona, da Abele Bolla, proprietario della locanda "Al Gambero". Il suo spirito pionieristico e la sua ferrea volontà determinarono la nascita della prima azienda vinicola di famiglia. In quasi mezzo secolo di attività, la famiglia Bolla arrivò ad esportare i vini del veronese in decine di mercati già nell’immediato dopo guerra. Il 13 aprile 1953, in occasione dell'ottantesimo compleanno di Alberto Bolla, i figli e i nipoti sorpresero il nonno imbottigliando il suo vino preferito con un’etichetta speciale: Amarone Bolla Riserva del Nonno, annata 1950. Proprio da questa felice intuizione iniziò la fortuna dell’Amarone, attuale icona dell’eccellenza della Valpolicella: i primi a commercializzarlo furono proprio i fratelli Bolla. “Orgoglio del passato, passione per il futuro”: questo il motto della famiglia Bolla, che ben riassume il rispetto per la tradizione e la spinta all’l'innovazione, requisiti indispensabili per poter mantenere la qualità nel tempo, in linea con le esigenze del consumatore. Nel frattempo, anche il mondo del cinema contribuì al successo dei vini Bolla negli anni della Dolce Vita. Tra il 2006 e il 2009, Gruppo Italiano Vini perfezionò l'acquisto della cantina, continuando la produzione di vini Bolla e divenendo così distributore del marchio in tutto il mondo. Oggi Gruppo Italiano Vini conserva i valori originali e la filosofia della famiglia Bolla, facendosi interprete di concetti quali la qualità e l'eccellenza che rendono Bolla una cantina con un grande presente e una grande anima.

No reviews
Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.