Marche

Uno dei vitigni bianchi più importanti d’Italia, il Verdicchio, e un rosso di sicura presa, il Montepulciano, non sono ancora riusciti a scrollare dalla regione un’immagine che, a livello commerciale e mediatico, rimane legata al vino industriale o da taglio. Ma la strada intrapresa da molti bravi produttori sta già portando e porterà risultati sicuri: non è lontano il momento in cui ogni buon ristorante avrà almeno un Verdicchio in carta. All’interno della rivoluzione enologica che ha portato l’Italia ai vertici mondiali negli ultimi 30 anni, le Marche, regione di antiche tradizioni contadine in cui il patrimonio artistico e paesaggistico è stato ben tutelato, hanno puntato sui propri vitigni autoctoni, in particolare Verdicchio e Montepulciano, con risultati che non temono confronti con gli eccellenti bianchi di Alto Adige e Friuli e i grandi rossi di Piemonte e Toscana. Gran parte della regione è occupata da un sistema collinare organizzato in valli parallele che dalle montagne dell’Appennino Umbro-Marchigiano scendono verso il Mare Adriatico. A metà regione, appena a sud di Ancona, il promontorio del Conero separa a livello climatico un nord più freddo e piovoso da un sud più caldo e mediterraneo. In quest’area, caratterizzata da terreni calcarei e influenzata dalla vicinanza del mare, si producono vini unici nel loro genere, i rossi della Docg Conero a base di Montepulciano (minimo 85%). Sempre in provincia di Ancona troviamo la Docg più conosciuta, il Castelli di Jesi Verdicchio Riserva, mentre l’altra Dogc del Verdicchio si trova nell’entroterra più a sud, a Matelica, in provincia di Macerata. Anche nella zona emergente di Offida e del Piceno troviamo vini interessanti, bianchi e rossi, sempre a base di uve autoctone. In Italia si parla tanto di Nord e Sud, mai abbastanza del Centro. Le Marche, anche solo per la bellezza del paesaggio e per questi due grandi vitigni italiani – Montepulciano e Verdicchio – sono un tesoro nazionale.

Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.