Vulture

L'Aglianico è spesso chiamato il Nebbiolo del Sud per le proprie caratteristiche di complessità e di tannicità, e in effetti deve essere considerato uno dei pochi grandi vitigni autoctoni italiani.

L'interpretazione che è stata data in questo vitigno in regione, in particolare a partire dagli anni '90 del secolo scorso, è stata piuttosto rivolta alla ricerca di esuberazione, generosità, forza estrattiva e opulenza. Col cambio di secolo, di fronte a un generale snellimento di tutta la produzione enologica italiana, qui è cambiato poco e si procede sulla convinta strada della robustezza. particolarmente legato a un'interpretazione classica e meno ricca del vitigno è Paternoster con il suo celebre Don Anselmo, mentre volutamente concentrato e a tratti legnoso, in questo senso moderno, è l'Aglianico delle Cantine del Notaio di Gerardo Giuratrabocchetti.

Le Principali Aziende sono: Basilisco - Cantine del Notaio - Camerlengo - D'Angelo - Eubea - Elena Fucci - Grifalco - Musto Carmelitano - Paternoster - Re Manfredi - Terre degli Svevi

Product added to wishlist

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.